Cile, incendio nel carcere di Santiago: 83 detenuti morti. Era l'8 dicembre 2010

L'8 dicembre 2010 divampò un incendio nel carcere San Miguel in cui morirono 83 detenuti. Nell'anniversario di questa tragedia guarda su Dplay Plus il documentario "Vita in carcere".

 Una tragedia. È l’8 dicembre 2010 quando nel carcere San Miguel, alla periferia di Santiago del Cile, divampa un terribile incendio in cui perdono la vita 83 detenuti e rimangono ferite decine dei persone tra cui agenti di polizia e pompieri intervenuti per domare le fiamme. A distanza di dieci anni da quel tragico giorno, vi consigliamo di guardare su Dplay Plus il documentario "Vita in carcere": tre detenuti nel carcere di Padova “due Palazzi”, tre uomini dalle storie diverse fatte di errori, sofferenza e pentimento. La storia della loro rieducazione che passa attraverso il riconoscimento dei propri sbagli e segue un tracciato fatto di lavoro, studio e sport offerto dall’Istituto di pena, grazie alle cooperative legate al territorio. Entreremo in carcere con la preziosa guida del suo Cappellano Don Marco Pozza che ci accompagnerà in questo mondo poco conosciuto ai più.

 

VITA IN CARCERE: GUARDA IL DOCUMENTARIO SU DPLAY PLUS 

 

Un mondo dove spesso mancano gli spazi vitali. Nella prigione di San Miguel, quando la tragedia si è consumata alle 5.30 di mattina di quel maledetto 8 dicembre, la struttura ospitava tre volte il numero di persone previsto dalla sua capienza. Sì, proprio così. C’erano 1900 detenuti a fronte dei 700 che avrebbero dovuto esserci. A far scoppiare quell’incendio non si sa se fu un corto circuito a un fornello elettrico di una delle celle o una rivolta in un padiglione durante la quale sarebbero stati bruciati dei materassi. E pensare che sarebbe dovuta essere una giornata di festa dal momento che si celebrava l’Immacolata Concezione. Era giornata di visite e fuori in coda c’erano centinaia di parenti desiderosi di vedere i propri cari. Ma quando le fiamme e il fumo hanno iniziato ad avvolgere l’intera struttura, il panico si è impossessato dei presenti.

 

ARRIVA DISCOVERY+ A UN PREZZO INCREDIBILE 

 

Solo dopo diverse ora dall’inizio dell’incendio, le autorità hanno cominciato a chiamare a gran voce i familiari delle vittime per comunicare loro una notizia che non avrebbero mai voluto ascoltare. Molti detenuti sono morti per intossicazione e asfissia e chi si è salvato ha riportato gravissime ustioni e seri problemi alle vie respiratorie. I parenti delle vittime hannno accusato immediatamente il responsabile del sistema penitenziario cileno, Luis Masferrer, reo secondo loro di aver ritardato l'ingresso dei pompieri per avere prima il totale controllo della situazione ed evitare fughe. Di sicuro fu una tragedia immane che doveva e poteva essere evitata, “una delle più importanti tragedie in un carcere nella storia del nostro Paese”, dichiarò il Ministro della Sanità cileno Jaime Manalich. Il Presidente Sebastian Pienra parlò invece di un “sistema carcerario non degno di un Paese che si comporta in modo civilizzato con la sua gente”. La speranza è che dalle tante parole si passi ai fatti.

 

***

 

Scopri Dplay Plus, il servizio a pagamento di Dplay che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con Dplay Plus avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito!