Vizi e virtù - Conversazione con Francesco

Papa Francesco in un viaggio alla scoperta di vizi e virtù, luci ed ombre dell’esistenza umana. Tre speciali in prima TV assoluta dal 20 marzo alle 21.25 su NOVE.

"Siamo caduti nella cultura dell’aggettivo, ci siamo dimenticati dei sostantivi. Non ci dimentichiamo che sei una persona, tu sei un uomo, sei una donna... Dio non ama l’aggettivazione della persona, ama la persona". NOVE presenta in esclusiva Papa Francesco in un viaggio alla scoperta di vizi e virtù, luci ed ombre dell’esistenza umana. La serie “VIZI E VIRTÙ – CONVERSAZIONE CON FRANCESCO” è un’inedita riflessione del Santo Padre con don Marco Pozza, cappellano del carcere “Due Palazzi” di Padova, su temi fondanti della dottrina cattolica che riguardano il senso dell’esistenza di ciascuno di noi.

 

NOVE: I TUOI PROGRAMMI PREFERITI SONO SU DISCOVERY+ 

 

VIZI E VIRTÙ - CONVERSAZIONE CON FRANCESCO: LA SERIE EVENTO DAL 20 MARZO ALLE 21.25 SUL NOVE  

 

La serie evento, in onda sul Nove in tre prime serate - il 20 e 27 marzo e la domenica di Pasqua, 4 aprile - è composta da 7 episodi dedicati al confronto tra vizi e virtù, come li ha interpretati e affrescati il genio creativo di Giotto nella Cappella degli Scrovegni di Padova. È proprio il delicato rapporto che intercorre tra i 7 vizi (Ira, Disperazione, Incostanza, Gelosia, Infedeltà, Ingiustizia, Stoltezza) e le 7 virtù (Prudenza, Giustizia, Fortezza, Temperanza, Fede, Speranza e Carità) il motivo conduttore dell’intimo dialogo tra Papa Bergoglio e don Pozza. Vizi&Virtù diventerà, inoltre, uno speciale per la piattaforma discovery+ destinato anche al mercato internazionale. Con un tono fresco e spontaneo, il confronto tra il Santo Padre e don Marco è il punto di partenza di ogni puntata, un vero e proprio percorso di riflessione, all’interno del quale ogni spettatore scoprirà qualcosa che lo riguarda da vicino.

 

Nella serie, però, i riflettori sono puntati soprattutto sulle storie vere di persone che hanno vissuto la propria esistenza in bilico tra vizi e virtù. Il pubblico scoprirà la storia dell’ex boss mafioso Domenico Vullo e della fedeltà della moglie del detenuto, trovatasi a crescere da sola i loro figli; la disperazione e la determinazione dei genitori del piccolo Sirio Persichetti, un bambino con una diagnosi di tetraparesi; Valentino Valente, un ragazzo che ha pagato con il carcere minorile il suo temperamento troppo aggressivo; la storia di Jessica Gallerani e Federica Sigon, due mamme diverse accomunate da un grande gesto di carità; la terribile dipendenza dal gioco di Tiberio Patrizi, un uomo mite e sensibile caduto nel vortice della ludopatia; la costanza di perseguire gli obiettivi dell’atleta di Ultracycling Omar De Felice; la storia di Piero Nava, inconsapevole testimone dell’omicidio del giudice Livatino che si trova vittima di un’ingiustizia.

 

Ad impreziosire la narrazione anche le testimonianze di sei personaggi, eccellenze del mondo dello spettacolo, della cultura e dello sport: da Carlo Verdone a Mara Venier, da J-Ax a Sinisa Mihajlovic, da Silvia Avallone ad Elisa Di Francisca. Interventi che nella struttura della narrazione sono pennellate di saggezza o di leggerezza, che offrono al pubblico una visione semplice di questi personaggi, svelando spaccati di vita inediti e inaspettati. Mara Venier racconta che “ho avuto tanti episodi nella mia vita dove ci sono stati tradimenti, persone che mi hanno ferita veramente, però io rimuovo, non voglio convivere con il rancore, per cui, mi arrabbio, però poi mi placo, chiedo scusa e soprattutto dimentico chi mi ha fatto del male”, mentre Carlo Verdone rivela che per lui “non si può ridere su tutto, questo è evidente, ci sono delle cose sulle quali non si può ridere. Però quando manca lo sguardo ironico sulla realtà la vita è meno bella, meno divertente... ha meno anima”. 

 

Ancora, Elisa di Francisca si sofferma a riflettere sulla disciplina sportiva che l’ha vista sul podio molte volte e nella quale “è molto importante quella linea sottile che divide, la prudenza dalla stoltezza”, mentre Sinisa Mihajlovic dichiara “quando mi hanno detto di questa malattia sono stato due giorni chiuso in camera, però io in quei due giorni ho buttato fuori tutta l'energia negativa”. “Mi ha illuso la speranza di avere tutto facile, tutto vincente perché in questa epoca ti dicono che se studi sicuramente avrai un superlavoro, che la meritocrazia verrà sempre premiata, che se fai il tuo meglio sarai applaudita: questa è un'illusione” afferma la scrittrice Silvia Avallone che cede il testimone, infine, al cantautore J-Ax, che ammette: “Il bullismo e tutte le forme di abuso, di violenza danno origine ad un circolo vizioso ed io mi ricordo che quando ero vittima di bullismo volevo rifarmi, fare il bullo, su chi potevo trovare come vittima”.

 

Vizi e Virtù - Conversazione con Francesco (2x80’ e 1x120’) è un progetto costruito assieme a Papa Francesco, realizzato da Officina della Comunicazione per Discovery Italia, per la regia di Dario Edoardo Viganò con una forte impronta autorale di Don Marco Pozza che conduce la conversazione e “viaggia” nel mondo alla ricerca di storie.

 

VIZI E VIRTÙ - LE 3 SERATE

 

  • SABATO 20 MARZO ALLE 21:25

 

Episodio 1. Famiglia Vullo – Fede e Infedeltà

 

In Sicilia, a Gela, vive la famiglia di Domenico Vullo, ex boss mafioso della Cosa Nostra gelese, al quale è stato revocato il carcere duro. Nel 2010 era rimasto coinvolto nella progettazione dell’attentato contro Rosario Crocetta, ex sindaco di Gela, e contro Giovanbattista Tona, ex gip del Tribunale di Caltanissetta. Oggi Domenico è detenuto in carcere a Padova e lavora nella pasticceria “Giotto”. La storia è quella della sua famiglia e di una ricerca di riscatto: tre figli e una donna che è sempre rimasta fedele al marito, nonostante l’infedeltà giudiziaria che l’ha portata a crescere i figli da sola, in un paese povero e dagli orizzonti ristretti.

 

Episodio 2. Sirio Persichetti – Speranza e Disperazione

 

A Roma abbiamo incontrato Sirio Persichetti, un bambino di sette anni con una storia difficile. Nato prematuro e dopo cinquanta giorni “morto in culla”. Sirio è stato colpito da un arresto cardiaco ma, contro ogni previsione medica, non è rimasto in stato vegetativo. Pur affetto da tetraparesi spastica, Sirio è un bambino impetuoso, travolgente, curioso. Gioca con il fratello Nilo e dimostra che la disabilità ha anche un volto ironico. Sirio è determinato come i suoi genitori che non si sono mai lasciati sopraffare dalla disperazione e hanno continuato a lavorare affinché la loro speranza fosse concreta.

 

  • SABATO 27 MARZO ALLE 21:25

 

Episodio 3. Valentino Valente – Ira e Temperanza

 

A Roma abbiamo incontrato Valentino Valente, un ragazzo finito in carcere a causa delle modalità scorrette e sproporzionate usate per esprimere una rabbia disfunzionale, resa aggressiva ed efficace dall’esercizio di un’arte marziale, il Muay Thai. Una storia di cambiamento, tra il carcere minorile di Casal del Marmo e la comunità “Borgo Amigò”, tra lavoro e rieducazione.

 

Episodio 4. Mamme del latte, Federica Sigon e Jessica Gallerani – Carità e Gelosia

 

A Bologna la storia di due mamme speciali, legate all’Associazione “Cucciolo”. Una, Jessica Gallerani, di Bologna, ha avuto due belle gravidanze, vissute in condizioni di serenità. L’altra, Federica Sigon, di Imola, ha avuto due gemelline premature. Dopo le prime ecografie, è stata segnalata una discordanza di peso superiore al 25%, che ha portato a una serie di problematiche. Ma queste due madri sono legate da una “storia di latte”: le mamme che ne hanno abbastanza decidono di donarlo a coloro che non possono allattare e che hanno bambini per cui il latte materno è fondamentale: un segno di carità che rivela storie di maternità e paternità.

 

  • DOMENICA 4 APRILE ALLE 21:25

 

Episodio 5. Tiberio Patrizi – Stoltezza e Prudenza

 

A Frosinone abbiamo incontrato Tiberio Patrizi, uomo mite e sensibile, padre di famiglia, malato di ludopatia. Un brutto male che ha travolto la sua vita e la sua volontà, rischiando di condurre lui e i suoi cari alla rovina. La moglie e le due figlie lo hanno aiutato a uscire dal tunnel del gioco e hanno fondato “No Game”, un’associazione che aiuta le persone affette da ludopatia. Secondo Tiberio non è possibile guarire dalla ludopatia, ma la si può senz’altro curare. Da qui il suo impegno ad aiutare le persone, evitando le tragiche conseguenze alle quali questa dipendenza può condurre. Una famiglia che ha ritrovato un equilibrio grazie al calore degli affetti e alla determinazione di vincere la dipendenza.

 

Episodio 6. Omar Di Felice – Fortezza e Incostanza

 

A Santa Marinella (Roma) abbiamo incontrato Omar di Felice, ex ciclista professionista e oggi campione di Ultracycling. Ha scelto di vivere la sua passione con uno spirito diverso e, grazie alla sua determinazione, ha iniziato a girare il mondo. Un personaggio che insegna come, dall’incostanza, possa nascere la fortezza e la capacità di inseguire e perseguire obiettivi. In una gara costante con se stessi, dove la cosa principale non è vincere ma saper imparare dalle sconfitte.

 

Episodio 7. Piero Nava (e Paolo Valsecchi) – Giustizia e Ingiustizia

 

Abbiamo incontrato Piero Nava, il primo super testimone di giustizia d’Italia. Il 21 settembre 1990 Piero, agente di commercio, stava guidando sulla provinciale di Agrigento quando si è trovato ad assistere all’omicidio del giudice Livatino. La morte del “giudice ragazzino” ha cambiato la sua vita. Perché? Nava non è rimasto in silenzio, ha sentito immediatamente il dovere di denunciare il fatto alle autorità. E, per un atto di giustizia, è diventato vittima dell’ingiustizia: ha dovuto abbandonare la sua casa, i famigliari, gli amici, i colleghi. Ha dovuto cancellare la sua identità e assumerne un’altra, tante altre, nascondendosi insieme a moglie e figli, come fosse stato lui il delinquente. Oggi ha cambiato nome ma resta sempre lui – Piero Nava – felice quando può firmare usando il suo nome. Sorride, nonostante una vita di fatiche, e dice che non avrebbe potuto comportarsi diversamente per riuscire a guardarsi allo specchio ogni mattina e riconoscersi. Il suo messaggio, specialmente ai giovani, è quello di uscire dall’indifferenza.

 

"Questo progetto - ha spiegato don Marzo Pozza, autore e parroco del carcere di Padova - è la naturale prosecuzione di un percorso editoriale iniziato nel 2017 insieme a Papa Francesco. Dopo “Padre Nostro”, “Ave Maria” e “Io Credo” (regia di Andrea Salvadore), con “Vizi e Virtù” abbiamo scelto di alzare l'asticella, andando a perlustrare una platea di telespettatori forse poco avvezzi a queste tematiche. Ringrazio Officina della Comunicazione e NOVE per questa splendida avventura: non è l'umanità che sta dentro la Chiesa ma è la Chiesa ad abitare dentro l'umanità. Ragione per cui le domande del mondo e l'umanità che si racconta, nel suo inevitabile intreccio di vizi e virtù, è la scintilla che abita questo nostro racconto. Un lavoro immaginato, pensato e cresciuto con Papa Francesco, del quale vorrebbe essere compagno e compagnia".

 

Vizi e Virtù - Conversazione con Francesco - è un progetto che costituisce una nuova occasione di collaborazione con il canale NOVE del gruppo Discovery. Dopo la serie ‘I grandi Papi’ e dopo il documentario ‘Tutto il mondo fuori’, nel quale è nata la collaborazione con don Marco Pozza, abbiamo affrontato questa nuova avventura produttiva che ci auguriamo possa rivolgersi ad un pubblico ampio ed eterogeneo”, così hanno parlato Nicola Salvi, Produttore e Amministratore di Officina della Comunicazione, ed Elisabetta Sola, Produttrice e Amministratore di Officina della Comunicazione". 

 

Queste invece le parole di Laura Carafoli, SVP Chief Content Officer Discovery: "Siamo onorati di ospitare sul Nove il Santo Padre, grazie ad un’opera importante che abbiamo voluto proporre con un taglio intimista e un linguaggio innovativo. Rinnoviamo la collaborazione con Officina della Comunicazione e don Marco Pozza, con un nuovo tipo di racconto religioso in tv che attraverso la voce del suo massimo protagonista, qui parte attiva e non mediata, entra nelle case degli italiani con un tono colloquiale del tutto inedito, rendendo accessibili al grande pubblico messaggi fondamentali per ognuno di noi".

 

BIOGRAFIA DON MARCO POZZA

 

Marco Pozza (Calvene, 1979 – www.sullastradadiemmaus.it) è parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi Di Padova. Ordinato sacerdote nel 2004, dopo una brevissima esperienza in parrocchia, perfeziona gli studi in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma conseguendo il Dottorato nel 2013 con una tesi di ricerca su Cittadella, l'unica opera pubblicata postuma dello scrittore francese Antoine de Saint-Exupèry.

 

Appassionato di scrittura, è autore di una ventina di libri tra saggi e romanzi, tra i quali una trilogia sulla vita di Cristo (L'imbarazzo di Dio, L'agguato di Dio, L'iradiddìo) tutti editi dalla San Paolo. La comunicazione è l'altra sua grande passione che, nel 2017, lo porta ad iniziare un percorso televisivo assieme a Papa Francesco. Padre Nostro, Ave Maria e Io credo sono la trilogia (per la regia di Andrea Salvadore, consultabili su Vativision) attraverso la quale ripercorre le tre grandi preghiere del popolo cristiano, attualizzando il loro messaggio. Programmi che sono divenuti tre bestseller, tutti editi dalla casa editrice Rizzoli.

 

Nel 2020, in piena pandemia, assieme alla parrocchia del suo carcere, ha ideato e scritto la Via Crucis che, celebrata in una piazza San Pietro vuota, ha commosso il mondo intero (I gabbiani e la rondine, Rizzoli). Nello stesso anno, in contemporanea, nasce la collaborazione con Officina della Comunicazione e il canale NOVE, sul quale viene mandato in onda Tutto il mondo fuori, docufilm ideato e girato nel carcere Due Palazzi di Padova.

 

Dal 20 marzo 2021 è protagonista, sempre sul Nove, delle 3 serate evento “Vizi e Virtù – Conversazione con Francesco”, prodotto da Officina della Comunicazione. Un intimo dialogo tra lui e il Santo Padre che ha come tema il rapporto tra vizi e virtù nel mondo di oggi, filo conduttore di storie di riscatto e speranza. Lo stesso tema al centro del nuovo volume edito da Rizzoli e in libreria dal 2 marzo: Papa Francesco in dialogo con Marco Pozza - Dei vizi e delle virtù.

 

*** 

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito!

I più visti su NOVE Discovery+